Contro le donne nei secoli dei secoli

La copertina

contoledonne

La storia

Un “nuovo” movimento al femminile ha inaugurato il 2006: tantissime donne hanno aderito all’appello “usciamo dal silenzio” e sono tornate in piazza. Molte di loro sono ex militanti e molte giovanissime. Grande assente è la generazione che oggi ha tra i trenta e quarant’anni. Perché? Perché gli slogan, il linguaggio e le modalità di lotta degli anni sessanta e settanta non parlano più alle donne di oggi. Eppure i feroci attacchi da parte del Vaticano, la negazione delle “quote rosa” dentro il Palazzo e uno sciovinismo sempre più subdolo nel mondo del lavoro segnalano che la situazione è grave. Silvia Ballestra scatta un’istantanea delle donne italiane oggi: i modelli demenziali imposti dal mercato e dai media (non solo le veline ma anche le cosiddette conduttrici “impegnate”); le maternità sempre più difficili: Il confronto con le straniere; l’arretratezza della politica italiana. Nessuna soluzione consolatoria all’orizzonte, ma una presa di coscienza dello spaesamento, dell’assenza di riferimenti, della necessità di cominciare da capo.